Breve nota climatologica dall’Osservatorio di Montevergine

Grazie per aver visitato il sito ufficiale dello storico osservatorio di Montevergine. Devi sapere che questo osservatorio viene salvaguardato dall'abbandono e dal degrado grazie all'azione e all'opera di un gruppo di giovani appassionati della meteorologia e del territorio del comprensorio del monte Partenio. L'osservatorio ha una lunga serie storica risalente al lontano 1884. Grazie alla tua eventuale donazione potrai contribuire concretamente al mantenimento e al miglioramento dell'osservatorio stesso. Senza il vostro aiuto questo importante pezzo di storia scientifica italiana verrebbe inesorabilmente perduto. Grazie per il tuo contributo e torna a visitare il sito ufficiale www.mvobsv.org .

E’ sotto gli occhi di tutti che il mese di ottobre abbia riservato condizioni meteorologiche lontane dai canoni tipici dell’autunno irpino. In tal senso, come di consueto, i dati acquisiti presso l’Osservatorio di Montevergine ci consentono di quantificare la rilevanza delle anomalie osservate, sia sotto l’aspetto termico sia sotto quello pluviometrico.

Nel mese di ottobre da poco conclusosi è stata osservata una temperatura media di +12.3°C, valore questo, 2°C superiore a quello mediamente registrato nel trentennio 1981-2010. Lo scarto dalla climatologia di riferimento diviene ancor più significativo (+2.6°C), se si prende considerazione la media di lungo periodo (1884-2018). Come si evince dal meteogramma (terza figura), l’evoluzione decadale della temperatura ha avuto un andamento sostanzialmente opposto a quello che normalmente atteso in un mese di transizione come quello di ottobre: la decade più calda, infatti, è stata l’ultima (temperatura media +13.8°C), quella più fredda la prima (temperatura media +10.7°C).
Per trovare un mese di ottobre più caldo di quello di quest’anno non bisogna andare particolarmente indietro nel tempo: nel 2012 e nel 2013, infatti, il decimo mese dell’anno fu caratterizzato da una temperatura media di 12.4 e 12.7°C, rispettivamente.

Per quanto concerne l’aspetto pluviometrico, è stato misurato un apporto meteorico complessivo (73.7 mm) corrispondente a poco meno della metà di quello mediamente rilevato nel trentennio 1981-2010 (145.1 mm). Particolarmente “inquietante” è stata l’assenza di precipitazioni di rilievo nella seconda e nella terza decade del mese, in cui, di norma, si osserva il passaggio dei primi intensi transienti atmosferici di origine atlantica. Le piogge, dunque, si sono concentrate nella prima decade, quando l’area del Partenio è stata interessata da 4 perturbazioni atmosferiche accompagnate e seguite da temporanei flessioni della temperatura.

Luglio 2019: più caldo e più piovoso del normale

L’analisi dei dati misurati nel mese di Luglio dalla centralina meteorologica operativa presso l’Osservatorio di Montevergine ha messo in luce anomalie positive sia sotto l’aspetto pluviometrico sia sotto il profilo termico. In particolare, la temperatura media rilevata, pari a +18.9°C, è risultata di 0.9°C superiore a quella mediamente osservata nel trentennio 1981-2010. Come si evince dal primo dei tre grafici riportati di seguito, l’anomalia appena evidenziata dà ulteriore continuità al trend dell’ultimo lustro, in cui si sono susseguiti mesi di luglio caratterizzati da temperature superiori alla media. Particolarmente anomala è stata la prima decade, in cui è stata registrata una temperatura media pari a +21.0°C, frutto di una serie di giornate particolarmente calde: la temperatura massima assoluta è stata registrata il giorno 3, quando il termometro si è spinto sino a 25.8°C (vedi terzo grafico). La seconda decade, invece, si è distinta per una maggiore dinamicità atmosferica: l’arrivo di aria più fresca, infatti, ha determinato un significativo calo delle temperature (minima assoluta +10.1°C, il giorno 16). Il caldo è tornato a farla da padrone nella terza decade, che ha chiuso con una temperatura media di 19.6°C.

In controtendenza con quanto avvenuto negli ultimi 4 anni, Luglio 2019 è stato caratterizzato da apporti meteorici superiori alla media. Il computo mensile totale, pari a 106.9 mm è stato infatti ben più consistente (+145%) di quello mediamente rilevato nel trentennio 1981-2010. A contribuire in maniera pressochè decisiva alla magnitudine dell’anomalia è stata la perturbazione transitata il giorno 28/07, che ha assunto caratteristiche più autunnali che estive. Presso la specola benedettina, infatti, sono caduti ben 59.2 mm, frutto di intensi rovesci a carattere temporalesco: da segnalare, nel corso della mattinata, un picco di rain rate pari a 430 mm/h.

Primavera 2019, la più fredda degli ultimi 14 anni

E’ necessario tornare indietro di 15 anni, più precisamente al 2004, per trovare una stagione primaverile più fredda (di soli 0.2°C) di quella di quest’anno. La primavera 2019, infatti, con una temperatura media di 6.5°C, è risultata più fredda di 0.5°C rispetto alla media dell’ultimo trentennio (1981-2010). Come è facile immaginare, ad aver inciso sull’anomalia riscontrata è stato soprattutto il mese di maggio (che è risultato più freddo della media di ben 4°C); i mesi di marzo ed aprile, invece, sono stati caratterizzati da un’anomalia di segno opposto (+1.6°C e +0.7°C, rispettivamente).

Per quanto concerne l’aspetto pluviometrico, il quantitativo complessivo di pioggia misurato, pari a 434 mm, è risultato essere sostanzialmente in linea con quello mediamente rilevato nell’ultimo trentennio. E’ bene evidenziare, tuttavia, come si evince dal secondo dei grafici di seguito riportati, che gli apporti meteorici rilevati sino alla fine degli anni ’70 erano, in genere, ben più consistenti degli attuali.
Dei tre mesi primaverili, il più ricco di pioggia è stato maggio (264.4 mm), quello più povero di precipitazioni marzo, con soli 63.3 mm.

Montevergine, il brusco passaggio dalla primavera all’estate

In quel di Montevergine, come è noto, le condizioni meteorologiche variano molto rapidamente e con grande frequenza. Il continuo alternarsi tra masse d’aria calda di origine tropicale e masse d’aria molto più fredda di provenienza polare può dar luogo a marcate differenze di temperature anche nell’arco di pochi giorni o, talvolta, di poche ore. Allo stesso modo, il passaggio di testimone tra una stagione e l’altra può avvenire in maniera molto brusca: non è raro, infatti, che nelle stagioni di transizione (primavera ed autunno) si avvicendino mesi dalle peculiarità meteorologiche totalmente differenti.

Quanto accaduto quest’anno, però, non ha precedenti nella storia ultracentenaria dell’Osservatorio. Tra il mese di giugno e quello di maggio, come si evince dal grafico riportato di seguito, è intercorsa una differenza di temperatura media pari a 11.6°C (!). I due mesi appena menzionati, come è noto ai nostri lettori più assidui, sono stata caratterizzati da forti anomalie di temperatura, di segno diametralmente opposto (-4.0°C per maggio e +3.9°C giugno, con riferimento alla media del periodo 1981-2010).

Al fine di contestualizzare meglio, sotto il profilo climatologico, il dato appena fornito, riportiamo di seguito una lista delle differenze di temperatura più rilevanti occorse fra due mesi consecutivi:

Giugno-Maggio 2019: 11.6°C
Maggio-Aprile 1908: 10.7°C
Maggio-Aprile 1973: 10.3°C
Ottobre-Settembre 1905: -10.0°C
Maggio-Aprile (1950): 9.6°C
Novembre-Ottobre (1988): 9.6°C
Maggio-Aprile (1997): 9.6°C
Aprile-Maggio (1949): 9.3°C