Nota climatologica sul mese di Aprile 2019

Grazie per aver visitato il sito ufficiale dello storico osservatorio di Montevergine. Devi sapere che questo osservatorio viene salvaguardato dall'abbandono e dal degrado grazie all'azione e all'opera di un gruppo di giovani appassionati della meteorologia e del territorio del comprensorio del monte Partenio. L'osservatorio ha una lunga serie storica risalente al lontano 1884. Grazie alla tua eventuale donazione potrai contribuire concretamente al mantenimento e al miglioramento dell'osservatorio stesso. Senza il vostro aiuto questo importante pezzo di storia scientifica italiana verrebbe inesorabilmente perduto. Grazie per il tuo contributo e torna a visitare il sito ufficiale www.mvobsv.org .

Aprile 2019, stando ai dati quotidianamente raccolti presso l’Osservatorio meteorologico di Montevergine, è stato più caldo e più secco del normale.
La temperatura media rilevata, infatti, pari a +7.1°C, è risultata di +0.7°C superiore rispetto a quella del trentennio 1981-2010. L’anomalia diventa di +1.1°C se consideriamo la media di tutta la serie storica (1884-2018). Temperature particolarmente alte e miti sono state registrate nell’ultima decade del mese. In particolare, nei giorni 24, 25 e 26 aprile l’area del Partenio è stata interessata da masse d’aria molto miti di origine nord-africana: il termometro, il giorno 25, ha raggiunto una temperatura massima di 20.4°C, la nona più calda di sempre per il mese di Aprile (ricordiamo che il record assoluto è di 21.4°C).


Per quanto concerne l’aspetto pluviometrico, nel mese da poco conclusosi sono caduti 106.4 mm di pioggia e neve fusa. Si tratta di un quantitativo inferiore sia a quello mediamente osservato nel trentennio 1981-2010 (140.0 m) sia a quello misurato nell’arco di tutta la serie storica (175.7 mm). In compenso, la pioggia è caduta con una certa regolarità: sono ben 13, infatti, i giorni in cui è stata osservata una precipitazione pari o superiore ad un 1 mm. Il quantitativo giornaliero più significativo è stato registrato il giorno 5 (29.5 mm).

Si riporta di seguito il meteogramma di 2019, che mette in luce l’andamento giornaliero della temperature e delle precipitazioni cumulate.

 

 

Nota climatologica sui mesi di Settembre e Ottobre 2018

I mesi di settembre ed ottobre 2018 sono stati caratterizzati, in quel di Montevergine, da temperature mediamente al di sopra a quelle di riferimento (trentennio 1981-2010). In particolare, nel caso di settembre, l’anomalia è stata di +1.0°C, nel caso di ottobre di 0.4°C.

Per quanto concerne gli apporti meteorici, è stato rilevato un deficit nel mese di settembre ed un surplus nel mese di ottobre (con riferimento, anche in questo caso, al trentennio 1981-2010).

Alcune note di rilievo in merito alle vicende atmosferiche degli ultimi due mesi:

- Il giorno 26/09/2018 è stata rilevata una minima di soli 3.2°C: era dal 2002 che non si raggiungeva un valore di temperatura così basso;

- nei giorni 25 e 26 settembre il vento di grecale ha spirato con una media di 25.8 nodi, raggiungendo una velocità massima di 78.0 nodi (144 km/h);

- nei giorni 28 e 29 ottobre sono caduti, complessivamente, ben 151.1 mm di pioggia, di cui 104.9 il giorno 28.

- il giorno 23 ottobre si è verificata una breve ma intensa bufera di grecale: il vento ha raggiunto la ragguardevole velocità di 90.4 nodi (167 km/h).

Nota climatologica sul mese di Giugno 2018

Nota climatologica sul mese di Giugno 2018

La sensazione comune è che si sia tratto di mese caratterizzato temperature molto fresche, al punto tale che molte persone hanno invocato l’arrivo della stagione estiva, preoccupate per l’assenza del sole e del caldo.
Ma è stato davvero così?

I dati raccolti presso l’Osservatorio di Montevergine (che ricordiamo essere attivo sin dal lontano 1884) ci dicono, come spesso accade, ben altro. E lo fanno in una maniera rigorosa, scientifica, scevra delle sensazioni personali che spesso ci conducono a valutazioni errate in ambito meteo-climatologico.

Nel mese di giugno 2018, a Montevergine è stata registrata una temperatura media pari a +14.8°C: si tratta di un valore appena al di sotto della media dell’ultimo trentennio di riferimento (+15.0°C) e di 0.4°C superiore a quella di lungo periodo (che tiene conto dell’intero intervallo temporale di osservazione, che va dal 1884 al 2017). Insomma, un mese, quello di Giugno 2018, che potremmo definire “normale” sotto il profilo delle temperature, dopo ben 4 anni consecutivi chiusi al di sopra della media.
La temperatura più alta, pari a +22.6°C, è stata registrata il giorno 11; quella più bassa, +8.7°C, il giorno 24.

Spendiamo due parole anche sugli aspetti pluviometrici. A Montevergine sono caduti 59.5 mm di pioggia, a fronte di una media di lungo periodo di 93.2 mm. L’anomalia riscontrata, di segno dunque negativo, assume minore rilievo se riferita all’ultimo trentennio di riferimento, in cui è stato misurato un apporto medio di pioggia pari a 63.8 mm. I quantitativi giornalieri di pioggia hanno superato il millimetro in 7 occasioni, con un picco di 17.8 mm il giorno 20.

 

Montevergine, anno 2017: pillole meteo-climatologiche

**Osservatorio meteorologico di Montevergine (AV, 1280 m slm), anno 2017: pillole meteo-climatologiche.**

- Il 2017, con 1219.3 mm di pioggia, è risultato essere il quarto anno più secco dal 1884 ad oggi: valori di precipitazioni annua più bassi sono stati riscontrati solo nel 2007 (986.4 mm), nel 1990 (1166.6 mm) e nel 1945 (1196.1 mm);

- Agosto 2017, caratterizzato da una temperatura media di +21.5°C, è stato il mese di agosto più caldo di sempre, superando sia l’Agosto del 2012 (temperatura media +21.3°C) sia l’Agosto del 2003 (temperatura media +21.2°C);

- L’estate 2017 è stata la terza più calda di sempre: la temperatura media del periodo giugno-agosto, pari a +19.5°C, è risultata essere inferiore solo a quella del 2003 (+20.3°C) e a quella del 2012 (+20.0°C);

- La primavera del 2017 è stata la quarta più secca dal 1884: il quantitativo pluviometrico osservato nel trimestre marzo-maggio è stato di soli 146.5 mm;

- Nella prima decade di Agosto 2017 è stata osservata la più intensa “heat wave” (ondata di caldo) di sempre: la media delle temperature massime è stata di +30.0°C, quella delle minime +22.6°C;

- La temperatura massima registrata nei giorni 04 e 05 agosto 2017, pari a +31.8°C, si è fermata a soli 0.2°C dal record storico (+32.0°C, rilevato in data 12/08/1922);

- La temperatura minima rilevata il giorno 05/08/2017, +25.8°C, è risultata essere la più calda dal 1884 ad oggi, superando i +25.2°C dell’11/08/1922 e del 07/08/1931;

- Il giorno 07/01/2017 è stata osservata una temperatura minima di -12.7°C. E’ necessario risalire al lontano 1963 per riscontrare una temperatura minima più bassa;

- Sempre in data 07/01/2017, è stata registrata una temperatura massima di -10.7°C: si tratta della terza temperatura massima più bassa di sempre. Soltanto nell’inverno 1963 (in data 23/01) e nell’inverno 1929 (il 03/02) furono registrate temperature massime inferiori (-11.4°C e -11.0°C, rispettivamente);

- In data 23/12/2017, alle ore 06:20, è stata rilevata una raffica di vento pari a 104.3 nodi (193.2 km/h): si tratta della velocità del vento più alta mai registrata dal 2008 ad oggi, ovvero da quando è operativa una stazione meteorologica automatica dotata di un sensore di velocità del vento.

Nota climatologica sul mese di Ottobre 2017

Il mese di Ottobre 2017 si è distinto, in quel di Montevergine, per una rilevante anomalia pluviometrica negativa. Sulla falsariga di quanto accaduto nella stagione primaverile ed in quella estiva, infatti, sono stati osservati apporti di pioggia ben inferiori a quelli tipicamente registrati. In particolare, la stazione dell’Osservatorio ha rilevato un quantitativo di pioggia mensile pari a soli 26.4 mm, a fronte di una media di lungo periodo (1884-2016) pari a 232.0 mm e di una media dell’ultimo trentennio (1981-2010) di 145.1 mm. Le precipitazioni si sono distribuite nell’arco di cinque giorni, con un picco massimo giornaliero di 9.9 mm (rilevato il giorno 22).

Per quanto concerne l’aspetto termico, è stata registrata un’anomalia positiva. La temperatura media, infatti, è stata di +10.7°C, a fronte di una media dell’ultimo trentennio pari a +10.4°C e di una media di lungo periodo (1884-2016) pari a +9.7°C. Le temperature si sono attestate su valori insolitamente alti soprattutto nel corso della seconda decade, la quale è stata caratterizzata dalla presenza, sul bacino centrale del Mediterraneo, di un robusto promontorio di alta pressione. In particolare, le temperature più alte sono state rilevate nei giorni 16 e 17, quando la massima si è spinta sino a +18.8°C e a +18.5°C, rispettivamente. Nella terza decade, invece, ha prevalso un’anomalia negativa, complice l’affluire di aria relativamente fredda dai quadranti settentrionali. Il valore di temperatura più basso è stato osservato il giorno 23, quando la temperatura minima è scesa a +1.9°C.

La terza decade di ottobre 2017 si è distinta anche per l’intensa bufera di vento abbattutasi nei giorni 24 e 25. In particolare, in data 24/10/2017 è stata registrata una raffica di 89.6 kts, mentre in data 25/10/2017 la forza del vento ha raggiunto i 92.2 kts, sfiorando, dunque, il record assoluto degli ultimi 10 anni (pari a 97.0 kts).